Pingdom Check

11/20/2017 | 12:00 AM

In Russia con amore

Siamo tutti nella stessa squadra. Icelandair è orgogliosa di supportare le squadre sportive islandesi, comprese le squadre di calcio maschile e femminile e le sue squadre di pallamano e pallacanestro.

La nuova cotta del mondo sportivo è la squadra di calcio maschile islandese, dopo la sua incredibile corsa all'Euro 2016 in Francia. Il tifoso Viking dei sostenitori e il nostro commentatore preferito Gummi Ben hanno ricevuto molta attenzione da parte dei media, ma è stato il cuore e la dedizione della squadra che ha conquistato migliaia di nuovi fan in tutto il mondo.

Dopo il brillante risultato della squadra a Euro 2016 (raggiungendo i quarti di finale ed eliminando l'Inghilterra come conseguenza), la favola continua. Nel 2018, l'Islanda giocherà alla Coppa del Mondo FIFA in Russia. L'Islanda è la nazione più piccola a qualificarsi per il torneo.

Icelandair ha avuto una lunga e proficua collaborazione con la Football Association of Iceland (KSÍ). Siamo lo sponsor principale della squadra nazionale e non vediamo l'ora di volare Our Boys in Russia 2018. Áfram Ísland! (Vai Islanda!)

Fatti Interessanti di calcio islandese

  • Come nazione di appena 350.000, l'Islanda è la nazione più piccola mai qualificata per le finali del campionato europeo. Prima dell'Islanda, la nazione più piccola a qualificarsi era la Slovenia, con una popolazione poco meno di 2 milioni
  • Nel 2017, l'Islanda è diventata la nazione più piccola mai qualificata per la Coppa del Mondo. Prima dell'Islanda, quell'onore era detenuto da Trinidad e Tobago, che si qualificò per la Coppa del Mondo del 2006 con una popolazione di 1,3 milioni
  • Il soprannome della squadra nazionale maschile in Islanda, Strákarnir okkar, significa i nostri ragazzi. Allo stesso modo, la squadra femminile si chiama Stelpurnar okkar o le nostre ragazze
  • Una stima approssimativa ha indicato che circa l'8% della popolazione islandese ha accompagnato la squadra in Francia per Euro 2016
  • Nel 2017, circa 23.000 individui sono registrati praticanti di calcio in Islanda, secondo le statistiche della Federcalcio islandese. Circa un terzo di questi giocatori sono donne
  • Alla fine del 2017, la squadra maschile islandese si è classificata 21 nella classifica mondiale della FIFA. Nell'ottobre 2012, l'Islanda si è classificata al 131 ° posto, la più bassa che sia mai stata
  • La squadra di qualificazione europea dell'Islanda consisteva in giocatori che hanno giocato insieme fin dalle prime fasi e squadre giovanili. Il nucleo della squadra è rimasto insieme a livello nazionale sin dalla U17
  • Heimir Hallgrímsson, l'allenatore della squadra, lavora part-time come dentista nella sua città natale di Vestmannaeyjar

IL VIAGGIO DELL'ISLANDIA A EURO 2016 E RUSSIA 2018

Le prime stelle del calcio islandese

Sebbene il calcio sia rimasto uno sport popolare in Islanda sin dal suo massimo splendore negli anni '90, la squadra nazionale di calcio islandese non ha avuto molto successo fino a poco tempo fa. Prima del 2000, l'Islanda aveva prodotto solo pochi giocatori decenti che avrebbero continuato a lasciare il segno come calciatori professionisti.

Albert Guðmundsson è stato il primo giocatore islandese a giocare a livello professionale. Nel 1944 si trasferì a Glasgow, in Scozia, dove giocò per i Rangers nel calcio di guerra. Dopo un breve periodo a Glasgow si è trasferito a Londra, dove ha giocato per l'Arsenal, ancora a livello amatoriale. Nel 1947, Guðmundsson divenne il primo islandese a giocare a calcio professionistico, quando firmò con Nancy in Francia e più tardi con l'AC Milan in Italia.

Ásgeir 'Sigi' Sigurvinsson è considerato uno dei più grandi giocatori che l'Islanda abbia mai prodotto. Ha avuto una carriera di successo in Germania, dove, nel 1984, ha capitanato Stoccarda vincendo la Bundesliga per la prima volta in 32 anni, guadagnandosi una nomination come Player of the Year.

Tra gli altri giocatori di spicco della seconda metà del 20 ° secolo ci sono Pétur Pétursson, Guðni Bergsson, Atli Eðvaldsson e Arnór Guðjohnsen - il padre di Eiður Smári Guðjohnsen.

Un nuovo inizio

Nei primi anni 2000, l'islandese Football Association (KSÍ) si rese conto che era necessario rivedere il suo approccio dal basso verso l'alto. Nel 2002 ha iniziato la riformulazione strategica della formazione in materia di coaching fornita, ottenendo alla fine le licenze A e B dalla UEFA.

Un altro passo importante è stato l'aumento delle sale di allenamento al coperto. Con l'esplosione economica dell'Islanda, notevoli quantità di fondi sono state destinate alla costruzione di campi di allenamento di qualità, sia all'interno che all'esterno, disponibili tutto l'anno. Le squadre giovanili ora hanno avuto la possibilità di praticare la loro tecnica nonostante il rigido clima invernale o le estati umide.

I piani della Federcalcio hanno iniziato a dare risultati. Nel 2011, la squadra maschile Under 21 ha raggiunto le fasi finali di Euro 2011 in Danimarca. Il nucleo di quella squadra sarebbe poi passato alla prima squadra. Questa è la squadra che ha rappresentato l'Islanda a Euro 2016.

L'ascesa dei bambini al coperto

La nomina di Lagerbäck e Hallgrímsson nel 2011 ha segnato il momento in cui le cose hanno iniziato a girare. Poco dopo il suo arrivo, Lagerbäck ha dichiarato la sua ambizione di portare la squadra islandese ai mondiali del 2014 in Brasile. Anche se la popolazione generale applaudiva, era considerata una dichiarazione audace. Eppure, l'Islanda è arrivata seconda nel loro gruppo di qualificazione, mandandoli ai playoff dove sono stati infine sconfitti dalla Croazia.

 Siamo tutti sulla stessa squadra

Nel 1946, Icelandair si alleo con la squadra nazionale volando la squadra in Scozia, dove hanno giocato una serie di giochi considerati i loro primi giochi internazionali. Da allora, Icelandair ha accompagnato la squadra nazionale nel loro emozionante viaggio.

Fatti della storia del calcio islandese

Nonostante la mancanza di tradizione, le persone in Islanda sono orgogliose dei momenti di maggior successo nella storia del calcio islandese. Questi sono i punti salienti:

  • Il 5 giugno 1975, l'Islanda sconfisse la Germania dell'Est per 2-1
  • Il 5 settembre 1998, l'Islanda ha pareggiato 1-1 contro la Francia nelle qualificazioni per Euro 2000
  • Il 18 agosto 2004, l'Islanda ha battuto l'Italia 2-0 in una partita amichevole
  • Il 13 ottobre 2014, l'Islanda ha battuto l'Olanda 2-0 nei turni di qualificazione Euro 2016
  • Il 3 settembre 2015, l'Islanda ha battuto nuovamente l'Olanda nei turni di qualificazione per Euro 2016, questa volta per 1-0 e in trasferta
  • Il 6 settembre 2015, l'Islanda ha pareggiato il Kazakistan 0-0 in casa. Il gioco è stato tranquillo, ma sarà sempre parte della storia del calcio islandese: i risultati sono stati abbastanza buoni per l'Islanda per qualificarsi per Euro 2016
  • Il 27 giugno 2016, l'Islanda ha battuto l'Inghilterra per 2-1 allo Stade de Nice per passare ai quarti di finale a Euro 2016
  • Il 9 ottobre 2017, l'Islanda ha battuto il Kosovo 2-0 in casa per qualificarsi per la Coppa del Mondo nel 2018